Il Monte Gabberi “testimone” di un eccidio